Intercultura Riferimenti al PTOF – ISTITUTO COMPRENSIVO "LORENZO LOTTO" – JESI

Home » Intercultura Riferimenti al PTOF

SERVIZI AMMINISTRATIVI

PON ISTRUZIONE – FSE

PON-FSE MODULI GIORNALISMO

PON INFRASTRUTTURE – FESR

OBBLIGO VACCINAZIONI

ISCRIZIONI ON LINE

Miur

SITI ISTITUZIONALI

Intercultura Riferimenti al PTOF

Sulla base delle Linee Guida per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri emanate dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (febbraio 2014), l’Istituto “L. Lotto” considera l’educazione interculturale, in una società plurale e multietnica, come educazione alla e nella differenza e parte integrante di tutto il percorso formativo del cittadino. Tale visione si basa su una realtà territoriale concreta che nell’ultimo decennio ha visto la presenza di una percentuale di circa il 18% di alunni di cittadinanza non italiana all’interno dell’istituto che da anni ormai elabora e attua progetti di accoglienza e integrazione, anche in qualità di scuola capofila della Rete Agorà, costituita da 12 Istituti di Jesi e zone limitrofe. L’attuale accordo di rete avrà termine con la fine dell’a.s. 2015/2016 ma i Dirigenti Scolastici dei quattro Istituti Comprensivi di Jesi ne costituiranno un altro con partner il Comune ed altri Enti ed Associazioni della città per continuare ad operare in rete al fine di affrontare, nel modo più razionale e condiviso possibile tra tutti gli attori coinvolti, le problematiche della multiculturalità.

Le attività che l’istituto si propone di realizzare nel prossimo triennio, in continuità con quanto già compiuto fino ad oggi con risultati incoraggianti, saranno rivolte a:

1) ALUNNI

  • progettazione di percorsi di Italiano L2 (per L2 s’intende la lingua appresa in un secondo momento rispetto alla lingua materna nel paese d’origine dei parlanti madrelingua), individualizzati e per piccoli gruppi, di livello A1-A2 (livelli basici) B1 (livello autonomo) rispetto al Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue
  •  individuazione di alcuni contenuti disciplinari essenziali e semplificazione dei relativi testi di studio
  •  corsi gratuiti per studenti del triennio di Scuola Secondaria di 1° grado con esame gratuito di lingua italiana – certificazione CILS – PROGETTO FSE (fondi sociali europei) MARCHE 2014/2020 – LINGUA ITALIANA L2 – CERTIFICAZIONE CILS (Certificazione di Italiano come lingua straniera, realizzata dall’Università di Siena). Dalle linee guida Cils (dicembre 2009) “La CILS, Certificazione di Italiano come Lingua Straniera, realizzata dall’Università per Stranieri di Siena, è il titolo ufficiale che dichiara il grado di competenza linguistica-comunicativa in italiano come lingua straniera. La certificazione CILS è rilasciata dall’Università dopo un esame costituito da test sulle abilità comunicative…verifica la capacità di uso della lingua in situazioni comunicative e in rapporto alle loro caratteristiche socio-culturali e socio-linguistiche…misura la competenza linguistica e comunicativa in sviluppo: è articolata in livelli che corrispondono a gradi di competenza progressivamente più ampi e a diversi contesti sociali di uso della lingua. I livelli sono sei: livello A1, livello A2, livello UNO-B1, livello DUE-B2, livello TRE-C1, livello QUATTRO-C2…Ogni esame CILS è costituito da cinque parti, con prove sulle abilità di base: ascolto, lettura, produzione scritta, produzione orale, analisi delle strutture di comunicazione…”
  • attività di mediazione linguistica e culturale
  • nella prima fase di accoglienza e facilitazione linguistica, in tutti gli ordini di scuola,si potranno utilizzare contesti ludici e linguaggi non verbali, come la musica, lo sport, la danza, l’arte; nella seconda fase, nella scuola Primaria e nella Scuola Secondaria di I Grado, si potranno affrontare i contenuti disciplinari a partire dalle discipline a minor carattere verbale. In tale processo ogni insegnante può essere facilitatore linguistico di apprendimenti.

    La progettazione, l’organizzazione e la realizzazione delle suddette attività hanno consentito agli alunni di cittadinanza non italiana dell’Istituto Comprensivo “L. Lotto” di conseguire, alla fine del primo ciclo di istruzione, dei risultati nelle prove INVALSI, nell’a.s. 2014/2015, superiori alla media regionale e nazionale.

    2) GENITORI

  • attività di mediazione linguistica e culturale da parte del personale della Casa delle Culture
  •  corsi di Italiano L2
  •  raccolta di informazioni sui percorsi dei singoli alunni, sui sistemi scolastici degli altri Paesi
  •  traduzione di modulistica e documenti relativi all’organizzazione scolastica
  •  incontri scuola-famiglia alla presenza di mediatori per conoscere le diverse possibilità formative nell’ottica di un orientamento scolastico e della persona e del cittadino
  • eventuali attività culturali di integrazione3) DOCENTI
  •  incontri di formazione con esperti
  • costituzione di una commissione di Intercultura a cui prendono parte i referenti delle scuole che costituiscono l’Istituto Comprensivo “Lorenzo Lotto” per organizzare e progettare le attività di accoglienza e di integrazione
  • partecipazione con i referenti dei singoli istituti aderenti alla Rete Agorà o a una eventuale futura rete tra istituti scolastici e enti territoriali per delineare e coordinare le modalità comuni sulle tematiche dell’accoglienza e dell’integrazione 4) Cittadinanza
  • collaborazione con l’Associazione Casa delle Culture per la realizzazione di iniziative pubbliche proponendo, dove possibile, l’intervento di esperti esterni sui temi dell’accoglienza e della prevenzione di forme di emarginazione e razzismo
  • progetto interscolastico di educazione alla Cittadinanza “La memoria va in bici”: diversi sono i luoghi nella città di Jesi e nel territorio circostante segnati tragicamente dalla guerra di liberazione, dove a cadere furono vittime varie. Questi luoghi sono ricordati con lapidi, cippi, croci o un’opera artistica, i quali, avendo lo scopo di ricordare e far ricordare, costituiscono tanti monumenti. Per il giovane studente questi monumenti sono innanzi tutto l’occasione per una maggiore conoscenza geografica del tessuto urbano ed extraurbano in cui vive; ma soprattutto con essi può avvicinarsi ad un oggetto della memoria, con cui recuperare le vicende locali di un periodo storico, i personaggi che vi hanno agito, le ragioni e gli ideali che li hanno animati, ragioni ed ideali che sono posti a fondamento della nostra carta costituzionale per una pacifica convivenza civile e, per questo, celebrarli ed attualizzarli. Il progetto consiste nel raggiungimento in bicicletta dei luoghi della memoria e nella commemorazione degli stessi da parte degli alunni degli Istituti Comprensivi di Jesi e di Moie; il percorso si estende da Jesi a Moie con una distanza di circa 10 Km (fortunatamente pianeggiante e in gran parte ciclabile). L’organizzazione e la partecipazione ad una manifestazione pubblica realizzano quell’educazione alla cittadinanza che si rivela singolarmente come scoperta di essere un con-cittadino.

REGISTRO ELETTRONICO

PROGETTO FAMIGLIA FORTE

PROGETTO LEGALITA’

PNSD

CodeWeek 2016

PROGETTO P.I.P.P.I.

PROGETTO INTERCULTURA

SCUOLA AMICA UNICEF

PROGETTO COMENIUS

Iscriviti al blog tramite e-mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 42 altri iscritti