Home » Prevenzione e disagio

SERVIZI AMMINISTRATIVI

OBBLIGO VACCINAZIONI

PON INFRASTRUTTURE – FESR

PON ISTRUZIONE – FSE

ISCRIZIONI ON LINE

Miur

SITI ISTITUZIONALI

Prevenzione e disagio

CALENDARIO_CIC – 2016/17

La scuola offre ad alunni, genitori e docenti delle scuole dell’Istituto di ogni ordine e grado, l’opportunità di rivolgersi ad uno Sportello di Ascolto gestito da insegnanti formate per svolgere questo ruolo.

Il Centro di Informazione e Consulenza (CIC) è un servizio che il nostro Istituto offre per realizzare attività di prevenzione, di informazione e di consulenza.

Queste attività sono finalizzate a promuovere l’ascolto per superare situazioni di disagio, per favorire positive relazioni dentro e fuori la scuola e per facilitare un dialogo costruttivo tra insegnanti, genitori ed alunni.

Si comunica che dal mese di Novembre sarà attivo lo Sportello d’ascolto rivolto a tutti i genitori, agli studenti della Scuola media e agli insegnanti del nostro Istituto. Il Centro di Informazione e Consulenza (CIC) è un servizio che la scuola offre per realizzare attività di prevenzione, di informazione e di consulenza. Queste attività sono finalizzate a promuovere l’ascolto per superare situazioni di disagio, per favorire positive relazioni dentro e fuori la scuola e per facilitare un dialogo costruttivo tra insegnanti, genitori ed alunni.  Da Novembre 2016 a Maggio 2017, una volta alla settimana, tre docenti (Ins.ti Casci Ceccacci Antonella, Bambini Cinzia e Gianangeli Donatella) si alterneranno allo sportello d’ascolto, presso la Scuola “Savoia” nei giorni e negli orari indicati sul calendario affisso nelle singole scuole e di seguito allegato. Per chiarimenti o eventuali appuntamenti è possibile contattare direttamente la referente del progetto, ins. Antonella Casci Ceccacci presso la Scuola Primaria “Conti” (plesso B).

CALENDARIO SPORTELLO ASCOLTO a.s. 2016/17

Nel seguente calendario sono indicati  giorni di ricevimento, gli orari e i docenti che accolgono i genitori.

Logo Screening

In questi ultimi anni stanno diffondendosi, in tutto il territorio nazionale,  in modo sempre più capillare,  le pratiche preventive di screening; da più parti infatti sono cominciate a proliferare varie esperienze che testimoniano un bisogno sempre più sentito tra gli operatori scolastici e sanitari di intervenire in modo tempestivo. E’ ormai abbastanza accertato che le probabilità di successo nel prevenire l’insorgenza dei disturbi di lettura e scrittura sono strettamente correlate alla precocità e all’appropriatezza degli interventi. L’intervento preventivo per definizione è lo  screening, una metodologia di rilevazione in grado di individuare, con un buon livello di attendibilità, i soggetti a rischio di un determinato disturbo. Lo screening è importante, a livello preventivo, per individuare la presenza di bambini e ragazzi a rischio e avviare, nel caso in cui la famiglia lo ritenga opportuno, un percorso diagnostico più approfondito.
La motivazione che ha spinto questo Istituto, nel corso degli anni, ad aderire alle diverse proposte di screening pervenute da diversi Enti, pubblici e privati, è rappresentata dalla convinzione che una particolare attenzione, a partire dai primi anni di scolarità, di alcuni segnali di rischio, attraverso l’osservazione e la rilevazione di eventuali carenze e l’introduzione di pertinenti modalità educative  di base , aumentano le possibilità di miglioramento del profitto e riducono le difficoltà . Affrontare queste problematiche significa inoltre operare per una positiva incidenza sulla valorizzazione delle potenzialità di sviluppo dei soggetti e porre le basi di apprendimenti futuri che saranno tanto più efficaci quanto più si sia operato in ottica preventiva . E’ doveroso per la scuola muoversi in questa direzione adeguando l’insegnamento alle condizioni di chi apprende; solo in questo modo si può differenziare i trattamenti attingendo a una grande varietà di metodi e tecniche. Strutturare percorsi didattici metodologicamente mirati risulterà vantaggioso anche a favore di tutti coloro che, pur non presentando disturbi specifici d’apprendimento, incontrano comunque oggettive difficoltà negli apprendimenti durante il loro percorso scolastico.

Il nostro Istituto, anche per quest’anno scolastico in corso, aderisce ad un progetto gratuito di screening pedagogico per la prevenzione delle difficoltà specifiche di apprendimento, proposto dal gruppo professionale del Cid- Centro Italiano Dislessia. Il progetto prevede una attività di formazione rivolta ai docenti di ogni ordine e grado dell’Istituto Comprensivo, un incontro con le famiglie coinvolte e la somministrazione dello screening agli alunni dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia, agli alunni delle classi prime, seconde e quinte della scuola primaria e agli alunni del primo anno della scuola secondaria di primo grado.  Le attività di screening avverranno all’interno della struttura scolastica in uno spazio che la scuola metterà a disposizione degli esperti, in orario scolastico e con la presenza del docente di riferimento, in quel momento, per la classe. Questo progetto di screening si propone di individuare, laddove ci fossero, quei segnali che potrebbero essere indicatori di un disturbo nelle competenze di lettura, scrittura e calcolo, nell’ottica di contribuire al raggiungimento del pieno successo formativo anche degli alunni che presentano tali difficoltà. Particolare attenzione si avrà nel favorire la collaborazione scuola-famiglia e nell’aiutare quest’ultima ad affrontare e gestire le problematiche emerse. Porsi in una relazione di confronto aperto e costruttivo con la famiglia, riteniamo che sia la condizione essenziale per  promuovere nel ragazzo stesso la  conoscenza e la consapevolezza dei suoi problemi di apprendimento, aiutandolo a non sentirsi svilito e frustrato di fronte all’insuccesso.

_______________________________________________________________

RELAZIONE DELLE ATTIVITA’ a.s. 2015/16

RELAZIONE DELLE ATTIVITA’ a.s. 2014/15

RELAZIONE DELLE ATTIVITA’ a.s. 2013/14

RELAZIONE DELLE ATTIVITA’ a.s. 2012/13

RELAZIONE DELLE ATTIVITA’ a.s. 2011/12

Nella relazione presentata dalla referente del progetto vengono esplicitate nel dettaglio

le iniziative di formazione e le attività promosse per gli alunni, i genitori e i docenti.

IL DOCENTE REFERENTE                             

Ins.te  Antonella Casci Ceccacci


Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

REGISTRO ELETTRONICO

PNSD

CodeWeek 2016

PROGETTO GIORNALISMO

PROGETTO P.I.P.P.I.

PROGETTO INTERCULTURA

SCUOLA AMICA UNICEF

PROGETTO COMENIUS

Iscriviti al blog tramite e-mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 41 altri iscritti